Home
17/05/2017 - I dipendenti pubblici bocciano la Pa: troppa burocrazia

La Pubblica amministrazione italiana è un affastellarsi di norme ridondanti e confuse che frenano l'innovazione e rendono la semplificazione una chimera.

A dirlo sono gli stessi dipendenti della P.a.. Negli ultimi 5 anni la burocrazia è cresciuta, ed è un atto di difesa, per il 62% del campione che ha partecipato all'inchiesta annuale sulla Pubblica Amministrazione svolta da Fpa, societa' del gruppo Digital360, e dedicata in questa edizione alla "burocrazia difensiva", quell'atteggiamento cioé per cui è solo non facendo che si evitano rischi o che porta a duplicare richieste di moduli e pareri per evitare 'grane'.

La causa principale del rallentamento dell'azione amministrativa, risponde il 67,2% del campione (1.700 persone, per l'80% dipendenti pubblici), è l'eccessiva produzione di norme che si sovrappongono e generano confusione e disorientamento, tanto che per chi lavora nella P.a. è difficile comprendere il senso strategico del proprio lavoro (45,3%).

sommersi_dalle_scartoffie_6401.jpg

A dirlo sono gli stessi dipendenti della P.a.. Negli ultimi 5 anni la burocrazia è cresciuta, ed è un atto di difesa, per il 62% del campione che ha partecipato all'inchiesta annuale sulla Pubblica Amministrazione svolta da Fpa, societa' del gruppo Digital360, e dedicata in questa edizione alla "burocrazia difensiva", quell'atteggiamento cioé per cui è solo non facendo che si evitano rischi o che porta a duplicare richieste di moduli e pareri per evitare 'grane'.

La causa principale del rallentamento dell'azione amministrativa, risponde il 67,2% del campione (1.700 persone, per l'80% dipendenti pubblici), è l'eccessiva produzione di norme che si sovrappongono e generano confusione e disorientamento, tanto che per chi lavora nella P.a. è difficile comprendere il senso strategico del proprio lavoro (45,3%).

Questa criticità ha due facce.

La prima è di tipo personale: i lavoratori si sentono demotivati.

La seconda è di tipo organizzativo: alcuni processi sono diventati più complessi e lenti, come le procedure di acquisto, le misure anticorruzione, la formalizzazione di incarichi e contratti. L'elemento positivo è un uso maggiore delle tecnologie per accelerare i processi/servizi (solo 21 su 100 rispondono di usare "raramente" o "mai" le tecnologie per accelerare i processi); tuttavia persiste la resistenza di alcuni colleghi (anche di altre amministrazioni) a utilizzare i documenti digitali (accade "spesso" per il 49,3% del campione e "sempre" per l'11,6%).

Gli stessi cittadini sfruttano poco le interfacce web con la P.a. e preferiscono recarsi allo sportello (63%).

I dipendenti pubblici hanno però le idee chiare su come uscire da questo stallo: scelta di dirigenti capaci basata sul merito e non sulla politica (lo dice il 50,7% del campione), meno norme (43,5%), più digitalizzazione (41,9%).

La P.a. cento per cento paperless è forse un sogno (non accadrà nemmeno nel 2030, secondo il 45,3% dei rispondenti); però l'81,8% pensa che nel 2030 finalmente non dovrà ridare alle amministrazioni pubbliche i propri dati mille volte e il 77% è convinto che potrà gestire tutte le comunicazioni con le P.a. da un unico punto di accesso.

"Abbiamo lanciato questa inchiesta perché, dopo 28 anni di studio delle amministrazioni da dentro e da fuori, continuiamo a trovarci di fronte una PA bloccata, in balia di una bulimia regolatoria, di una coazione a ripetere per cui si legifica molte volte la stessa cosa, con minime differenze, senza pretendere mai veramente, con accertamenti e sanzioni, che le norme siano effettivamente attuate", afferma Carlo Mochi Sismondi, presidente FPA.

"In questo caos, i dipendenti pubblici ci raccontano che l’unica salvezza percepita è quella di restare fermi, di prendere il minimo delle responsabilità possibili, di aspettare che passi il vento dell’innovazione (che tanto dura al massimo il tempo di un Governo) o di pretendere, prima di applicarle, che le novità diventino obbligatorie". Per Mochi Sismondi "anche recenti novità come il Codice degli Appalti e il Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD) non sono state percepite come reali semplificazioni".

Fonte: Italia Oggi


©2003 - NetGuru S.r.l. - via Bandello, 9 - 15057 - Tortona (AL)
telefono: 0131.820901 - fax: 0131.829853 - PEC: posta@pec.netguru.it
P.IVA: 02004020067
Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru